30 marzo 2020 (17:30 - 18:30)

WEBINAR LIVE
L'economia italiana: prima, durante e dopo il Coronavirus shock 

Che mondo sarà, dopo il Coronavirus? La pandemia ha innescato la crisi, ma saranno le scelte politiche e geopolitiche a determinare ciò che verrà. Anche per i Governi, tuttavia, trovare misure adatte a sostenere un’economia alle prese con gli effetti del Coronavirus è un rebus.
 
L’epidemia e le misure di contenimento che sono state adottate per contenerla colpiscono al tempo stesso domanda e offerta. Un doppio shock, che solitamente si verifica solo in caso di guerra.
 
«Serve subito un intervento in deficit finanziato a livello europeo, perché lo shock economico è continentale. Per evitare una recessione, l’Europa avrebbe bisogno di un’espansione fiscale da almeno due punti di Pil, che sono per l’Italia 36 miliardi di euro» scriveva nelle scorse settimane l’economista Carlo Cottarelli su Il Sole 24 Ore. «Bisognerebbe introdurre degli Eurobond, quindi debito europeo con cui si finanzia la spesa in tutta Europa», ha rilanciato nei giorni scorsi.
 
Cosa ne sarà del lavoro e delle nostre imprese, una volta usciti da questa attuale condizione da Stato di emergenza? Ci salveranno gli Eurobond? Come evitare che allo shock economico si aggiunga anche uno shock finanziario?
 
Partendo da questi temi, il webinar sarà l’occasione per approfondire con il massimo esperto di conti pubblici in Italia il prima, il durante e il dopo dello shock legato al Coronavirus.

Programma

30 marzo 2020
17:30 - 18:00 Intervento di Carlo Cottarelli
18:00 - 18:30 Dibattito

Documenti dell᾿incontro

Nota informativa

WEBINAR LIVE
L'economia italiana: prima, durante e dopo il Coronavirus shock 

Nota informativa

Kit

WEBINAR LIVE
L'economia italiana: prima, durante e dopo il Coronavirus shock 

Kit

Elenco partecipanti

Elenco partecipanti

The European House Ambrosetti

Video incontri

L'economia italiana: prima, durante e dopo il Coronavirus shock

Carlo Cottarelli, Università Cattolica del Sacro Cuore, Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani