19 marzo 2018

Il futuro dei pagamenti digitali: la prospettiva VISA

Bill Gajda, SVP, Innovation & Strategic Parternship, VISA ha partecipato ad un webinar live portando la sua esperienza in termini di ecosistema aperto per i pagamenti del futuro.

 

A che punto siamo in termini di evoluzione?

La velocità a cui assistiamo ai cambiamenti oggi non è neanche lontanamente paragonabile al ritmo dei decenni passati: le rivoluzioni in ambito commerciale dei prossimi 5 anni saranno maggiori di quelli degli ultimi 50.

In passato il sistema di pagamenti era chiuso (le banche decidevano tutto, compreso il design dei prodotti finanziari). Con i nuovi player tecnologici globali e il cambio dei business model, negli ultimi 7-8 anni anche i metodi di pagamenti sono stati coinvolti nella trasformazione generale del settore e del mondo. Nel 2016 si sono registrati per la prima volta più pagamenti elettronici che in contanti in tutto il mondo. Aziende come VISA collaborano con le banche e le altre entità per adattarsi al nuovo ecosistema fluido.

I principali trend a cui assistiamo (e assisteremo)

1. Dal POS all’ O/S

Dal point of sale che sta scomparendo, stiamo passando a sistemi cloud. Il sistema di pagamento va a “trovare” il cliente in modo trasversale, basandosi sui sistemi operativi, attraversando fuso orari, applicativi ecc. La user experience diviene globale ed omogenea.

2. Transazioni integrate

Le transazioni non avvengono più in un contesto specifico e fisico: il cliente si aspetta che il pagamento si svolga laddove si trova e tramite il dispositivo che sta utilizzando (smartphone, wearable, internet of things). Questo cambiamento è reso possibile da sistemi sofisticati come riconoscimento facciale, impronte digitali ecc.

3. I modelli di consumo stanno cambiando

Un esempio significativo è quello di Deliveroo. La consegna una volta era parte di un servizio, ora è al centro del business model. Tanti clienti, ora, non comprerebbero in un determinato ristorante se non fosse presente sulla piattaforma Deliveroo. Questo esempio ci parla della decentralizzazione del prodotto rispetto alla user experience che, dai margini, è diventato decisivo.

4. Le aspettative dei clienti sono guidate dalle esperienze mobile di altri settori

Piattaforme di social network e applicazioni legate alla comunicazione: sono app che fanno vivere determinate esperienze e una app di tipo bancario avrà comunque come comparazione e “concorrenza” Facebook o Whatsapp, che dettano lo standard generale, a prescindere dal settore.

5. Il mobile sta trasformando il modo in cui consumiamo i servizi

Il modo in cui fruiamo di esperienze in fatto di gaming, musica e in generale delle nostre passioni, è condotto dalle esperienze mobile o ancora più avanzate (ad esempio ora esistono wearable come gli orologi che permettono di passare per i tornelli della metro). N Nel futuro andremo sempre più verso una direzione in cui nemmeno si vuole più ritirare contanti dai bancomat.

6. Dal Check out al Check in

Un altro aspetto interessante è la possibilità di offrire pagamenti seamless: un esempio sono gli Amazon Store in cui non si interagisce con nessun commesso, neppure alla cassa.

7 . L’autenticazione è fondamentale per gli e-commerce

Prima c’era il metodo del pin, ora sempre più spesso abbiamo la machine learning o la biometria e l’autenticazione avviene con questo passaggio più immediato. È, questa, una tecnologia sottostante e più sicura rispetto alle credenziali da ricordarsi. Ora c’è il micro posizionamento o la biometria comportamentale in background.

In VISA si ragiona anche a nuovi casi d’uso delle nuove tecnologie: immaginare le transazioni di domani influenzate dalle novità che immaginiamo futuristiche ma in realtà è già il presente.

Uno degli aspetti su cui concentrarsi è che chi vincerà e chi perderà non dipenderà dal prodotto ma dalla customer experience.

5 modi diversi per trasformare la customer experience

  • Nuovi modi per accreditarsi e provare la propria identità

  • Essere in grado di effettuare un pagamento nella modalità che si preferisce, dal device più semplice possibile

  • Un controllo più intuitivo, modulare e personalizzato del proprio quadro finanziario

  • Molto più controllo su chi, dove e come viene speso il denaro

  • Eliminare le barriere tra i servizi e i brand che si scelgono

Lo stato dei pagamenti digitali in Europa

VISA considera l’Europa l’area più dinamica, a livello di investimento e con molti early adopter. Anche a livello normativo in Europa si sta cercando di disciplinare meglio il settore e VISA vuole essere in linea anche su questo punto di vista.